145.5 kmgara
2
17 aprile

Lavarone

Lavarone è posta su un altopiano a 1200 metri di altitudine, a pochi passi dal lago omonimo, celebre per essere la meta vacanziera del padre fondatore della psicanalisi Sigmund Freud. La particolarità del lago lo rende balneabile nella stagione estiva, mentre durante l’inverno è possibile praticarvi il pattinaggio sul ghiaccio.

Alpe di Pampeago - Fiemme

Adagiata nel cuore della Val di Fiemme, l’Alpe di Pampeago è parte del Comune di Tesero. La località vanta strutture all’avanguardia per quanto concerne sia lo Sci Alpino che lo Sci di Fondo ed è storicamente legata al ciclismo. L’omonimo passo è stato teatro delle imprese di campioni del calibro di Marco Pantani, Pavel Tonkov e Gilberto Simoni.

Descrizione

La seconda tappa del Tour of the Alps 2018 prende il via dall’Altipiano di Lavarone, in località Chiesa. Dopo alcuni saliscendi iniziali, il percorso è caratterizzato da una lunga discesa che porterà dalla galleria del Valico della Fricca, attraverso Vattaro e Bosentino, fino a Calceranica al Lago, dopo 20,5 Km di gara. Da qui inizia un breve tratto appena vallonato a lambire Caldonazzo e Levico Terme, per poi giungere a Pergine Valsugana (Km 35). Quindi la prima salita di giornata: quasi 16 km, risalendo l’affascinante Valle dei Mocheni, per raggiungere il primo GPM di prima categoria del Tour of the Alps 2018, posto ai 1455 m di Passo Redebus dopo 51,1 km di corsa. Anche se si scala il versante meno impegnativo del passo (la pendenza massima arriva al 10% solo nel tratto conclusivo), occorre comunque superare 980 metri di dislivello.

Superato il valico, i primi chilometri sono caratterizzati da una ripida e veloce discesa con numerosi tornanti; successivamente la strada tende a spianare attraversando l’abitato di Baselga di Pinè. Altri 6 km di discesa immettono sulla strada provinciale che risale, in lievissima ma costante ascesa, la Valle di Cembra. In località Lago di Lases (Km 70,7) sarà posizionata la zona rifornimento fisso. Successivamente, al Km 91, il gruppo troverà il T.V. di Sover, in località Piscine. Giunti a Molina di Fiemme, ha inizio un lungo anello che attraverserà buona parte della Val di Fiemme. Il tratto di salita più impegnativo che, attraverso Castello di Fiemme, raggiunge l’innesto con la SS48, nel primo passaggio sarà valevole come secondo GPM di giornata, posto nel centro di Cavalese (KM 108). Successivamente si raggiungono, in rapida successione, Tesero e Ziano di Fiemme, quindi riscendendo a fianco del Torrente Avisio si chiude l’anello della Val di Fiemme giungendo nuovamente a Molina di Fiemme (km 130,9). Percorrendo nuovamente la rampa di Castello di Fiemme, ci avviciniamo alle fasi decisive della tappa: dopo 6,4 km pianeggianti per raggiungere Tesero, ha inizio la scalata verso il traguardo di Alpe di Pampeago – Fiemme, caratterizzato da pendenze massime prossime al 15%, mai al di sotto del 10% nei 4 Km conclusivi. L’onore di tagliare per primo il prestigioso traguardo dell'Alpe di Pampeago sarà sicuramente riservato ad un atleta con grandi doti di scalatore. Inoltre, in cima all’Alpe di Pampeago, inizierà a delinearsi anche la classifica generale, mettendo in evidenza i principali pretendenti alla vittoria finale del Tour of the Alps.

Pedala con i Campioni

Scarica il percorso GPS e pedala come i campioni del #TotA

GPXKMZAltri formati
Powered by