Al Tour of the Alps i francesi scommettono su Pinot

Il capitano della Groupama-FDJ punta di diamante del drappello transalpino forte di due World Teams alla corsa Euroregionale (16-20 Aprile). Al suo fianco una squadra solida in ogni reparto, che punta al bersaglio grosso. AG2R-La Mondiale pronta a dare battaglia nelle tappe intermedie con Geniez e Montaguti

All’interno di una partecipazione straniera sempre più importante, anche quest’anno è forte e qualificata la presenza francese al Tour of The Alps, corsa Euroregionale in programma dal 16 al 20 Aprile 2018. Al via da Arco ci saranno due formazioni transalpine: Groupama-FDJ e AG2R-La Mondiale, entrambe appartenenti alla categoria World Teams, quella che racchiude le squadre più competitive al mondo (saranno 9 su 20 formazioni alla partenza, record storico per il Tour of the Alps).

La Groupama-FDJ conferma la presenza di Thibaut Pinot, considerato uno dei favoriti della vigilia e avversario tra i più pericolosi per il britannico Chris Froome, vincitore di quattro Tour de France e per la prima volta al via quest’anno del Tour of The Alps. Il talento francese, già brillantissimo protagonista nel 2017 sulle strade della gara a tappe di categoria 2.HC, considera decisivo il Tour of The Alps per lo sviluppo della sua stagione. Ha già espresso la sua opinione in merito al percorso, considerando intrigante il contenuto tecnico delle cinque tappe, oltre che ideale per la crescita della sua condizione in vista degli impegni successivi nei grandi giri.

Per capire la “sintonia” tra Pinot e il Tour of The Alps bastano le parole pronunciate dal corridore francese nel 2017, alla conclusione del suo primo esame su queste strade: “Il mio primo Tour of the Alps – aveva detto Pinot – è stato una splendida esperienza. Non conoscevo personalmente questa zona, che è di straordinaria bellezza, così come i percorsi di questa gara. Venire qui è stata di certo la miglior scelta che potessi fare in vista del Giro. Aspettatemi qui l’anno prossimo, perché tornerò“. È stato di parola.Lo scorso anno Tibaut Pinot ha corso un Tour of The Alps da protagonista assoluto, sempre nel vivo delle operazioni: per lui una vittoria nella tappa finale di Trento, ma anche un rendimento costante su alti livelli, con 3 piazzamenti sul podio e il secondo posto finale a soli 7 secondi dal vincitore della generale Geraint Thomas.


La conferma di questo “spirito” combattivo che anima il ventottenne corridore francese è sostenuta dalla scelta dei 6 compagni che lo affiancheranno sulle strade di Trentino, Alto Adige e Tirolo. Al suo fianco gli scalatori Preidler e Reichenbach, l’esperto “regista” Steve Morabito e poi ancora uomini di sostanza come Bonnet, Ludvigsson e Roy. Paraticamente la squadra che dovrebbe poi prendere il via anche al Giro d’Italia, per il quale Pinot ha grandi ambizioni dopo il quarto posto dello scorso anno.

Più defilata ma comunque di spessore la presenza di AG2R-La Mondiale, che sarà alla partenza del Tour of the Alps con l’esperto Alexandre Geniez come capitano, contornato da un gruppo di compagni ai quali si addicono i percorsi delle tappe intermedie. A cominciare da Matteo Montaguti, che con la corsa Euroregionale ha già un ottimo feeling, avendo piazzato un acuto lo scorso anno con la prestigiosa vittoria nella tappa di Cles. Il trentaquattrenne corridore di Forlì proverà a fare il bis tra qualche giorno, magari sul traguardo di Merano o a Lienz, sostentuto da compagni preziosi come Cherel, Dupont, Chevrier, Jauregui e Venturini.

Credits: Bettini