Al Tour of the Alps la prova del nove di Rohan Dennis

L’australiano della BMC, già recordman dell’ora, adesso sogna un grande giro: il #Tota sarà il suo grande banco di prova in vista del Giro. Cannondale-Drapac a Kufstein con tre opzioni: Rolland, Dombrowski e Formolo

A meno di 72 ore dal via di Kufstein (Austria), salgono tensioni e aspettative tra le squadre che prenderanno parte al Tour of the Alps (17-21 Aprile), in particolare tra gli atleti che sperano di trovare sulle strade Euro-regionali le migliori sensazioni in vista del Giro d’Italia, primi fra tutti Thibaut Pinot (FDJ) e l’ultimo vincitore del Giro del Trentino Mikel Landa (Team Sky).

Tra i corridori che susciteranno la curiosità di pubblico e addetti ai lavori ci sarà Rohan Dennis (BMC), l’australiano già recordman dell’ora, che adesso ha messo nel mirino il podio di una grande corsa a tappe. Come Geraint Thomas del Team Sky, Dennis dovrà dimostrare al Tour of the Alps di aver compiuto il definitivo salto di qualità in montagna, dopo il secondo posto assoluto alla Tirreno-Adriatico che ne ha rafforzato ambizioni e credenziali.

Prenderò parte al Tour of the Alps in prospettiva Giro d’Italia – spiega Rohan Dennis – Ho lavorato duramente alla Tirreno-Adriatico e alla Vuelta Catalunya, ma adesso non vedo l’ora di testarmi qui. Il Tour of the Alps fa parte della mia preparazione in vista del grande obiettivo di Maggio: cercherò di mettermi alla prova, e alla fine guarderemo la classifica generale.

A supporto del capitano, il DS della BMC, Maximilian Sciandri, ha selezionato un “line-up” molto competitivo, a partire da Damiano Caruso che rappresenta la seconda opzione della squadra statunitense. Da non sottovalutare in casa BMC l’esperto Brent Bookwalter, il promettente neoprofessionista elvetico Kilian Frankiny e il 25enne romagnolo Manuel Senni, brillante protagonista alla Vuelta Valenciana e al Giro dell’Appennino, chiusi entrambi in terza posizione.

Particolarmente agguerrita anche l’altra compagine a stelle e strisce presente al Tour of the Alps, la Cannondale-Drapac, ai nastri di partenza con tre carte per la classifica generale, Pierre Rolland, Joe Dombrowski e il veronese Davide Formolo, quest’ultimo alla ricerca del definitivo salto di qualità come uomo da grandi giri. Tre corridori di talento, nessun capitano designato: il Tour of the Alps potrebbe dire l’ultima parola su chi indosserà i gradi di leader della squadra statunitense al Giro d’Italia.

Rohan Dennis sarà fra i protagonisti, assieme a Mikel Landa, Thibaut Pinot e Michele Scarponi, del primo “confronto” tra i grandi favoriti del Tour of the Alps, nella conferenza stampa della vigilia di Domenica 16 Aprile, in programma alle ore 16,30 alla Kufstein University (Andreas Hofer Strasse, 7).