Tutti ci provano, Sanchez ci riesce: è ancora Astana al Tour of the Alps

Lo spagnolo centra il successo da finisseur a Lienz dopo una tappa, la quarta, che ha visto tutti i favoriti in azione nel tentativo di staccare Pinot. Il francese si difende e conserva la maglia di leader. Venerdì gran finale a Innsbruck

Guardando la classifica generale del Tour of the Alps al termine della quarta frazione, quella che ha portato gli atleti dall’Alto Adige al Tirolo, da Chiusa/Klausen a Lienz, si potrebbe quasi pensare che poco o nulla sia accaduto lungo questi 134,3 km. E la conclusione non potrebbe essere più sbagliata.

E’ stato Luis Leon Sanchez (Astana) a mettere tutti d’accordo, con una di quelle azioni che lo hanno reso famoso, e che gli hanno permesso di vincere – fra le altre – due Classiche di San Sebastian e quattro tappe al Tour de France. Sanchez si è presentato da solo sul traguardo di Lienz, imitando in qualche modo l’impresa del ben più giovane O’Connor (Dimension Data) di 24 ore prima. “Avevo il rimpianto della tappa di ieri – ha confessato lo spagnolo – perché ero io il designato per cercare il successo, invece ho esitato troppo e l’australiano mi è scappato. Oggi non ho avuto dubbi: volevo provarci senza aspettare lo sprint. E’ andata bene.” Sanchez ha regalato al Team Astana la terza vittoria in quattro giorni: il team kazako fa paura, anche in prospettiva Giro.

Dietro allo spagnolo si è piazzato il neozelandese George Bennett (LottoNL-Jumbo) a 6 secondi, e in terza piazza un altro portacolori della squadra olandese, Koen Bouwman, che ha regolato il drappello di 12 unità con tutti i migliori. Quarta piazza per Thibaut Pinot (Groupama-FDJ) riuscito in un’impresa finora unica in questo Tour of the Alps: difendere la maglia di leader per più di una giornata. Ma ha dovuto sudarsi questo privilegio.

Infatti, la bagarre è stata ininterrotta fin dall’inizio della salita di Terento, dopo appena 30 km, quando un gruppo di sette corridori si è portato in avanscoperta, con diversi nomi importanti: Ben Hermans (Israel Cycling Academy), Hubert Dupont (Ag2R-La Mondiale), David De La Cruz (Team Sky), Davide Villella (Astana), Mikel Bizkarra (Euskadi-Murias), Felix Grossschartner (Bora-hansgrohe) e Louis Meintjes (Dimension Data), raggiunti poco dopo anche da Kristijan Durasek (UAE Team Emirates) e Mark Padun (Bahrain-Merida).

Al passaggio del confine austriaco, i battistrada hanno toccato un massimo vantaggio di 2.16, che consegnava ad Hermans la maglia ciclamino virtuale. Il ritorno del gruppo si faceva però prepotente in vista sulla salita di Anras. Il gran lavoro della UAE Team Emirates è un chiaro segnale di quello che sta per accadere sulla salita di Bannberg: dopo l’accelerazione dell’olandese Bouwman e del giovane azzurro trentino Nicola Conci, arriva l’accelerazione di Fabio Aru, seguito da Miguel Angel Lopez. Sui quattro al comando si riporta anche Chris Froome, ma Pinot e Pozzovivo sono attenti e chiudono il buco.

Dopo lo scollinamento, i quattordici uomini al comando si sono ricompattati, lasciando spazio all’attacco di Sanchez a meno di 2 km dal termine: inutile il tentativo di rientro di Bennett.

Pinot ha conservato la maglia ciclamino di leader, con 15 secondi su Pozzovivo e Lopez, 16 su Froome e 50 su Aru. Non è stata semplice, tuttavia, la difesa del francese: “Oggi non è stata la mia miglior giornata, e ho fatto non poca fatica per rispondere ai tanti attacchi che sono arrivati. Pozzovivo, Lopez, Froome, Aru, sono tutti corridori forti, tutti in grado di fare male, e oggi nessuno si è risparmiato. Ma il vantaggio è intatto, e manca solo una tappa: 15 secondi possono essere pochi o molti, e domani dovremo fare il massimo per portare a casa questo successo. Era il mio obiettivo dichiarato, adesso bisogna portarlo a termine.”

Il vincitore di Merano Ben O’Connor ha conservato la maglia bianca di miglior giovane. Si cambia invece nelle due altre classifiche, con Pozzovivo in maglia verde di miglior scalatore e Ben Hermans leader dei traguardi intermedi.

L’ultima sfida del Tour of the Alps si svolgerà domani, venerdì 20 Aprile, fra Rattenberg e Innsbruck (164,2 km), in una tappa che transiterà per due volte su una frazione del circuito che ospiterà i prossimi UCI Road World Championships. Le tre scalate della Olympia Climb saranno gli ultimi trampolini per chi vorrà provare a dare un dispiacere a Pinot. Una cosa è certa: nessuno si arrenderà fino all’ultimo metro.

Domani sulla linea d’arrivo di Innsbruck, alle 12.30, si terrà anche uno speciale momento di commemorazione di Michele Scarponi, celebrato dal Vescovo di Innsbruck. All’occasione prenderanno parte anche i genitori dello sfortunato atleta marchigiano.

La quinta e ultima tappa del Tour of the Alps sarà tutta da seguire in diretta dalle 14.00 alle 15.30, grazie alla trasmissione prodotta da PMG Sport, e che andrà in onda su Eurosport 1 (Europa, Asia, Oceania), RaiSport (Italia), ORF (Austria), TV 2 (Danimarca), L’Equipe (Francia), Eleven (Nord America), FloBikes (Nord America, Centro America, Sudamerica), SkySport (Nuova Zelanda) ed Econet (Africa), e in differita su Bike Channel (Italia).

Trasmissione in diretta streaming anche sulla pagina Facebook PMG Sport e sui portali Pmgsport.it, Repubblica.it, Gazzetta.it, inbici.net, cicloweb.it, pulsemedia.it, oasport.it, LaPresse.it, Corrieredellosport.it, Tg.la7.it, Federciclismo.it, Tuttobiciweb.it, Cyclingpro.net, SpazioCiclismo.it, CiclismoSport.Go.tv, Mondiali.net e DirettaCiclismo.it.