Il Giro del Trentino mette in mostra i suoi ricordi

Da sabato 3 settembre al Casinò di Arco l’esposizione che rievoca la storia della gara che ha reso celebre nel mondo la bellezza del Trentino. L’ingresso sarà gratuito

27 agosto 2016

Più di trecento foto, e poi maglie, documenti, cimeli: il Giro del Trentino è andato a frugare nella sua storia, rivitalizzando le emozioni e i ricordi di tante persone che a qualsiasi livello hanno vissuto in diretta la nascita e lo sviluppo di questo evento ciclistico arrivato proprio quest’anno al traguardo del quarantennale, con un’edizione di grande successo mediatico del Giro del Trentino Melinda disputatasi lo scorso aprile e vinta dallo spagnolo Mikel Landa.

Proprio in occasione del primo anniversario della scomparsa di Nerino Ioppi, uno dei “padri fondatori” della manifestazione, la mostra fotografica e storica realizzata dal G.S. Alto Garda – curata da Matteo Rossi e dal fotografo Remo Mosna – sarà aperta al pubblico (ingresso gratuito) da sabato 3 a domenica 11 settembre al Casinò Municipale di Arco, la deliziosa cittadina del Garda Trentino dove è cominciata la favola del Giro, che per lunghi anni ebbe nel compianto Guido Amistadi un “patron” entusiasta e genuino.

Si creò l’opportunità di introdurre in calendario una corsa a tappe in febbraio e candidammo il Trentino – ricorda Giacomo Santini, Presidente del G.S. Alto Garda – pur sapendo che la stagione non era l’ideale per un territorio montagnoso come il nostro. Scegliemmo l’alto Garda proprio per via del microclima: ciò nonostante la prima edizione incontrò la neve, ma fu comunque un successo. Tutto è iniziato da lì”.

Le immagini di Remo Mosna, che rappresentano il “cuore” della mostra, raccontano anche il profondo legame della corsa al paesaggio e documentano la trasformazione avvenuta nel tempo di molte città e paesi attraversati dalla carovana. “Nel corso degli anni – racconta la vicepresidente Lina Ioppi, un’altra figura fondamentale nella storia del Giro del Trentino – abbiamo fatto tappa in una moltitudine di comuni, lasciando dietro di noi un sentimento di amicizia. Lo spirito della nostra organizzazione è stato appunto questo: una corsa di ciclismo per unire e cementare lo spirito di collaborazione”.

La mostra, patrocinata dalla Regione Trentino Alto Adige, dalla Provincia di Trento e dal Comune di Arco, sarà aperta ogni giorno dalle ore 10 alle ore 19, mentre nella giornata finale l’apertura è prevista dalle 12 alle 21. Venerdì 2 settembre alle ore 18 è prevista la cerimonia di inaugurazione, a cui interverranno numerose autorità.

E anche in orario di chiusura, la mostra continua sul web: gli appassionati potranno infatti postare sui social network con l’hashtag dedicato alla mostra, #GDTMemories, le foto da loro realizzate legate alla storia del Giro del Trentino. Le migliori immagini saranno pubblicate sul sito del Giro del Trentino Melinda (www.girodeltrentino.com) e raccolte in una speciale photogallery con i nomi dei loro autori.